Discussione:
L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN
(troppo vecchio per rispondere)
Identità Europea area Lazio
2009-05-31 06:53:14 UTC
Permalink
IL “NUMERO DELL’EMOGLOBINA” INCOMPATIBILE CON DARWIN

DI ENZO PENNETTA

“Il darwinismo è una teoria di processi cumulativi così lenti da
richiedere, per completarsi, da migliaia a milioni di decenni”

“La selezione naturale, il processo cieco, inconscio, automatico che
fu scoperto da Darwin e che, come noi oggi sappiamo, è la spiegazione
dell’esistenza e della forma apparentemente finalistica di ogni essere
vivente, non ha in vista alcun fine.”

Queste due affermazioni tratte dall’Orologiaio cieco di Richard
Dawkins contengono i principi fondamentali della teoria sintetica
dell’evoluzione o neodarwinismo: l’assoluta casualità delle mutazioni
e i tempi molto lunghi affinché le stesse possano produrre cambiamenti
positivi.
Ma cosa s’intende per tempi lunghi?
È lo stesso Dawkins a fornirci un caso specifico su cui effettuare un
calcolo, si tratta di quello che venne definito da Isaac Asimov il
“numero dell’emoglobina”. L’emoglobina è la proteina, presente nei
globuli rossi, quella che veicola l’ossigeno nel sangue conferendo
allo stesso tempo il caratteristico colore rosso. Una proteina è una
catena i cui anelli sono costituiti da elementi chiamati aminoacidi,
nel caso dell’emoglobina la sua lunghezza è di 146 aminoacidi. Come
tutto ciò che riguarda la biologia, secondo la teoria neodarwiniana,
anche l’emoglobina è il risultato casuale di un lento processo
cumulativo del quale lo stesso Asimov indicava la probabilità che si
verificasse. Il calcolo delle probabilità è espresso da una potenza
che ha come base il numero di differenti aminoacidi utilizzabili e
come esponente il numero di anelli della catena da costruire.

Per fare un esempio, il numero di possibili parole di 4 lettere che si
possono comporre con i 21 segni dell’alfabeto italiano è dato da:
214 = 194.481
La probabilità di comporre casualmente la parola “caso” spingendo 4
volte su 21 tasti è dunque una su 194.481.
Nel caso proposto da Asimov il numero di combinazioni possibili per
costruire l’emoglobina è espresso da:
20, cioè il numero degli aminoacidi a disposizione, elevato alla
146, il numero degli “anelli” che costituiscono la catena = 20146.
Espresso in base dieci tale numero corrisponde a circa 10190.
Al riguardo Dawkins afferma: “La fortuna che si richiederebbe per
ottenere questo risultato è inimmaginabile.” e non si può che essere
d’accordo con questa considerazione.
Per renderci conto della “fortuna” che bisognerebbe avere, possiamo
fare il seguente calcolo: quanti secondi sono passati dall’inizio
dell’universo e, nell’assolutamente ipotetico caso in cui potessimo
tentare una combinazione al secondo (ammettendo l’ipotesi che nessuna
combinazione sia uscita casualmente due volte), quante combinazioni
avremmo potuto provare sinora?
Moltiplicando:
i 3600 secondi contenuti in un’ora per
le 24 ore del giorno, per
i 366 giorni circa di un anno (per eccesso), per
i 14 miliardi di anni passati dal Big Bang, risultano trascorsi,
(arrotondando ancora per eccesso), 1018 secondi dall’inizio
dell’universo.
Nell’ipotesi che dalla nascita dell’universo si fosse potuta provare
una combinazione al secondo (questa ottimistica supposizione propone
una velocità talmente elevata da essere del tutto irreale,
incompatibile con l’assunto della prima frase “Il darwinismo è una
teoria di processi cumulativi così lenti da richiedere, per
completarsi, da migliaia a milioni di decenni”), per sapere quante
combinazioni dovremmo ancora tentare prima di esaurirle tutte dovremmo
sottrarre dalle combinazioni totali 10190 la quantità di quelle
provate 1018.
Il risultato visibile sulla calcolatrice sarebbe ancora 10190 in
quanto la sottrazione avrebbe solo intaccato in modo impercettibile la
quantità iniziale e il display non riuscirebbe visualizzare la
differenza. Il numero resterebbero quindi ancora 10190 combinazioni da
provare, il che, sempre ad una combinazione al secondo, richiederebbe
un tempo pari a poco più di 10172 volte l’età dell’universo.
Come suggerisce Dawkins di superare questa difficoltà?
Dawkins ricorre al concetto di selezione cumulativa, il suo
ragionamento è il seguente:
“Nella selezione cumulativa, invece, esse (le entità selezionate) «si
riproducono» , o in qualche altro modo i risultati di un processo di
cernita vengono sottoposti ad un altro processo di cernita…”
Il concetto di selezione cumulativa, che poi sarebbe realizzata dalla
selezione naturale, viene chiarito con il seguente esempio:
Se una scimmia dovesse battere casualmente a macchina la frase di
Shakespeare “Methinks it is like a weasel” (“O forse somiglia a una
donnola”), essendo la frase composta da 28 caratteri, ed essendo
l’alfabeto inglese composto da 27 lettere, le possibili combinazioni
di 27 lettere in una frase di 28 lettere (compresi gli spazi)
sarebbero espresse da: 2728.
A questo punto Dawkins inserisce un computer che “seleziona” frasi
mutanti che più si avvicinino alla frase originale:
“Il computer esamina le frasi mutanti nonsense, la “progenie” della
frase originaria, e sceglie quella che, per quanto poco, assomiglia di
più alla frase bersaglio…”
Per poter completare la frase in un numero ragionevole di tentativi lo
scienziato inglese introduce quella che definisce una “frase
bersaglio” e un computer che conosce in anticipo la frase che deve
essere composta, il che inserisce il finalismo nella teoria. L’unico
modo per evitare il finalismo è quello di ammettere che le frasi
debbano essere scelte mediante la selezione naturale, ma il fatto che
le frasi intermedie siano dallo stesso Dawkins definite “nonsense”
esclude che esse possano essere premiate dalla selezione naturale.
Ecco la contraddizione di Dawkins: si parte da un “il processo cieco,
inconscio, automatico” e per renderlo possibile nei dodici miliardi di
anni dall’origine dell’universo si finisce per postulare un “computer”
e una “frase bersaglio” che negano il processo cieco da cui si era
partiti.
Se invece si volesse mantenere un processo cieco, si dovrebbe
ipotizzare un’età dell’universo del tutto incompatibile con quella
stimata dalla comunità scientifica.
In matematica quando si parte da un assunto e questo conduce ad una
contraddizione, si giunge alla conclusione che l’assunto iniziale era
errato. Questo procedimento viene detto “dimostrazione per assurdo”.
La vita dell’universo è troppo breve per poter ammettere che abbia
potuto verificarsi una dinamica neodarwiniana per la quale i circa 14
miliardi di anni stimati dagli astronomi sono insufficienti,
esattamente come lo sono i 12.000 dei fondamentalisti creazionisti:
credere che le centomila proteine del corpo umano siano state prodotte
e assemblate casualmente in un ecosistema complesso nel corso della
vita dell’universo richiede un atto di fede superiore a quello dei
creazionisti stessi.
La scienza dovrebbe compiere un gesto di umiltà e riconoscere che
riguardo all’origine della vita e delle specie sfugge ancora qualcosa
di fondamentale.
Ukar
2009-05-31 08:53:00 UTC
Permalink
On Sat, 30 May 2009 23:53:14 -0700 (PDT), Identità Europea area Lazio
<***@fastwebnet.it> wrote:


On Sat, 30 May 2009 23:53:14 -0700 (PDT), Identità Europea area Lazio
...................................snip...........................................
La scienza dovrebbe compiere un gesto di umiltà e riconoscere che
riguardo all’origine della vita e delle specie sfugge ancora qualcosa
di fondamentale.
Alle religioni invece non sfugge alcunchè:
Hanno la risposta autoreferenziale incorporata.
Al signor Pennetta sfugge invece l'esistenza della clorofilla, la cui
esistenza è di gran lunga antecedente , nel processo evolutivo, a
quella dell'emoglobina.
La clorofilla è però esattamente identica all'emoglobina, con la sola
differenza che il "mg" sostituisce il "fe" nella composizione.
Seguendo il ragionamento del signor Pennetta allora i carciofi
potrebbero vedere un disegno intelligente del "Grande Carciofo
Creatore" nella composizione della clorofilla.
Potrebbero anzi, definire gli animali a base di emoglobina, come un
errore di programmazione, peraltro di gran lunga posteriore, del loro
Grande Carciofo Architetto dell'Universo.
Tornando coi piedi per terra la similitudine tra la catena
clorofilliana e la catena emoglobinica ed i compiti funzuionali da
entrambe svolti, si inseriscono perfettamente nel processo evolutivo
Darwiniano.
Mi spiace poer il signor Pennetta, ma non sarà lui che manda in
pensione Darwin.
Ritenti un'altra volta, ma con maggiore umiltà.
Ukar
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
"Non torna inutile mai il farsi una giusta idea della propria
ignoranza"

Charles Darwin
Inbario
2009-05-31 09:17:26 UTC
Permalink
io credo che sia il ragionamento di fondo errato.il fatto che la natura
provi tutte le possibili combinazioni...perchè mai?
una volta prodotta una certa combinazione che funziona in un certo ambiente
poi nel tempo si producono mutazioni che danno un miglior
risultato.L'ambiente influirà nel tipo di mutazione avvenuta ossia nella
diversa combinazione di amminoacidi?chi lo sa,ma è verosimile supporre di
sì.
s***@fastwebnet.it
2009-05-31 09:32:13 UTC
Permalink
Post by Inbario
io credo che sia il ragionamento di fondo errato.il fatto che la natura
provi tutte le possibili combinazioni...perchè mai?
una volta prodotta una certa combinazione che funziona in un certo
ambiente poi nel tempo si producono mutazioni che danno un miglior
risultato.L'ambiente influirà nel tipo di mutazione avvenuta ossia nella
diversa combinazione di amminoacidi?chi lo sa,ma è verosimile supporre di
sì.
"... ma è verosimile supporre ..."; questa tua frase esprime ciò che è
onesto aspettarsi dalla scienza ... nessun miracolo o verità eterna ed
immutabile. Miracoli e verità eterne sono solo parto di congetture gratuite!

... ah, quando (e SE ...) 'sta cactus di umanità dopo millenni di sbagli
concettuali profondi causati dal volere il miracolo della verità definitiva
ed unica pervenisse alla coscienza delle sue reali possibilità accettando
anche i limiti delle varie fasi di sviluppo materiale dei mezzi pratici sarà
sempre troppo tardi ...

L'unico dato positivo è che entro l'umanità può esistere (ed esiste) qua e
là qualche singolo individuo che arriva in concreto a sbarazzarsi della
superstizione ...
pino
--
--
sono redento ...
Da quando ho imparato che l'assoluto e l'eterno
sono solo menzogna ho avuto la mia redenzione di
"uomo".
"assoluto" ed "eterno" nel mio vocabolario sono
solo metafore!
Ukar
2009-05-31 12:22:25 UTC
Permalink
Post by s***@fastwebnet.it
"... ma è verosimile supporre ..."; questa tua frase esprime ciò che è
onesto aspettarsi dalla scienza ... nessun miracolo o verità eterna ed
immutabile. Miracoli e verità eterne sono solo parto di congetture gratuite!
... ah, quando (e SE ...) 'sta cactus di umanità dopo millenni di sbagli
concettuali profondi causati dal volere il miracolo della verità definitiva
ed unica pervenisse alla coscienza delle sue reali possibilità accettando
anche i limiti delle varie fasi di sviluppo materiale dei mezzi pratici sarà
sempre troppo tardi ...
L'unico dato positivo è che entro l'umanità può esistere (ed esiste) qua e
là qualche singolo individuo che arriva in concreto a sbarazzarsi della
superstizione ...
pino
--
Ciao Pino,
se la scienza pretendesse di dispensare certezze definitive, non
sarebbe più scienza, diventerebbe religione.
Sono due cose ben diverse.
La deduzione empirica, la verosimiglianza indicata da Inbario, la
plausibilità e sopratutto la nevessità di verifica sperimentale sono
alla base del ragionamento scientifico che non è mai, se non per
ragioni di comodità pratica, assolutistico, ma sempre probabilistico e
relativo.
Ciao
Ukar
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
il test chiave di una teoria scientifica è verificare
se le sue conseguenze sono in accordo con le misurazioni
ottenute sperimentalmente. Non importa chi abbia inventato
la teoria, "quale sia il suo nome", e neanche quanto
la teoria possa essere esteticamente attraente:
"se essa non è in accordo con la realtà sperimentale,
essa è sbagliata".
(Richard Feynman)
Ukar
2009-05-31 12:17:40 UTC
Permalink
Post by Inbario
io credo che sia il ragionamento di fondo errato.il fatto che la natura
provi tutte le possibili combinazioni...perchè mai?
una volta prodotta una certa combinazione che funziona in un certo ambiente
poi nel tempo si producono mutazioni che danno un miglior
risultato.L'ambiente influirà nel tipo di mutazione avvenuta ossia nella
diversa combinazione di amminoacidi?chi lo sa,ma è verosimile supporre di
sì.
A parer mio l'ambiente seleziona le mutazioni casuali.
Ovvero al mutare dell'ambiente sono "premiate" con la maggiore
riroducibilità e trasmissione dei propri geni, quelle combinazioni
genetiche che sono più adatte a quell'ambiente.
Ad ogni cambiameno dell'ambiente, di adeguata durata ed intensità,
la combinazione genetica vincente, tra le tante esistenti, cambia e
una, magari solo leggermente diversa, viene avvantaggiata.
Hai comunque ragione circa l'influenza dell'ambiente sulle possibili
combinazioni di aminoacidi, addirittura sulla costituzione delle prime
catene.
INfatti gli esperimenti condotti nel 1954 da Stanley Miller alla
Berkeley University e recentemente riconfermati mostrano come,
ricostruendo quella che con ogni probabilità era l'atmosfera
primordiale e simulando con correnti elettriche il fenomeno fulmini,
tali condizioni ambientali, replicate in vitro, abbiano dato origine
alle prime catene di aminoacidi.
In quell'esperimento e nei successivi furono identificati tutti e 20
gli aminoacidi presenti negli organismi viventi.
Se la composizione dell'atmosfer

http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Miller-Urey

Sicuramente vi è ancora molto da investigare, anche perché il bello
dei progressi scientifici è che, per ogni domanda alla quale danno una
risposta, aprono nuovi interrogativi, sempre più complessi ed
articolati.
Non ci sarà da annoiarsi! ;-)
Ukar
Alessandro
2009-06-01 12:26:30 UTC
Permalink
Post by Inbario
io credo che sia il ragionamento di fondo errato.il fatto che la natura
provi tutte le possibili combinazioni...perchè mai?
una volta prodotta una certa combinazione che funziona in un certo ambiente
poi nel tempo si producono mutazioni che danno un miglior
risultato.L'ambiente influirà nel tipo di mutazione avvenuta ossia nella
diversa combinazione di amminoacidi?chi lo sa,ma è verosimile supporre di
sì.
Ti sento parecchio confuso e mi sa che non hai chiare molte cose.

La natura non "prova tutte le combinazioni" scientemente. Le combinazioni,
le mutazioni casuali ( c a s u a l i ) dei singoli aminoacidi e del DNA sono
la vita stessa ed il modo di manifestarsi della "natura" nel genoma degli
organismi, sotto le influenze dei vari ambienti e circostanze contingenti
alle quali gli organismi viventi sono sottoposti. Questo porta alla
selezione delle varianti più adatte ed in milioni, milioni di anni ad una
compiuta e riconoscibile evoluzione delle specie. Concetto questo, la
evoluzione, accettato anche dalla Sacra Romana Chiesa oggi

In questa ottica, che io personalmente condivido, la nascita delle capacità
cognitive, la intelligenza stessa nelle specie più adatte (l'uomo, i
primati, altri mammiferi a scendere) nella sua immensa complessità si è
evoluta come è oggi - bovini malintesi, vere prese di posizione politiche
come il creazionismo ed ignoranza integralista a parte- la conosciamo.
Questo è il concetto rifiutato dai Papa boys, che la sola Selezione Naturale
permetta alla "natura" un simile, incredibile capolavoro di ingegneria
genetica dell'esistente in costante modificazione.
Inbario
2009-06-01 14:39:25 UTC
Permalink
Post by Alessandro
Post by Inbario
io credo che sia il ragionamento di fondo errato.il fatto che la natura
provi tutte le possibili combinazioni...perchè mai?
una volta prodotta una certa combinazione che funziona in un certo ambiente
poi nel tempo si producono mutazioni che danno un miglior
risultato.L'ambiente influirà nel tipo di mutazione avvenuta ossia nella
diversa combinazione di amminoacidi?chi lo sa,ma è verosimile supporre di
sì.
Ti sento parecchio confuso e mi sa che non hai chiare molte cose.
davvero?rileggi bene a me sembra che abbiamo detto più o meno le stesse
cose...
Post by Alessandro
La natura non "prova tutte le combinazioni" scientemente. Le combinazioni,
le mutazioni casuali ( c a s u a l i ) dei singoli aminoacidi e del DNA
sono la vita stessa ed il modo di manifestarsi della "natura" nel genoma
degli organismi, sotto le influenze dei vari ambienti e circostanze
contingenti alle quali gli organismi viventi sono sottoposti. Questo porta
alla selezione delle varianti più adatte ed in milioni, milioni di anni ad
una compiuta e riconoscibile evoluzione delle specie. Concetto questo, la
evoluzione, accettato anche dalla Sacra Romana Chiesa oggi
In questa ottica, che io personalmente condivido, la nascita delle
capacità cognitive, la intelligenza stessa nelle specie più adatte
(l'uomo, i primati, altri mammiferi a scendere) nella sua immensa
complessità si è evoluta come è oggi - bovini malintesi, vere prese di
posizione politiche come il creazionismo ed ignoranza integralista a
parte- la conosciamo. Questo è il concetto rifiutato dai Papa boys, che la
sola Selezione Naturale permetta alla "natura" un simile, incredibile
capolavoro di ingegneria genetica dell'esistente in costante
modificazione.
Continua a leggere su narkive:
Risultati di ricerca per 'L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN' (newsgroup and mailinglist)
7
risposte
L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN
iniziato 2009-05-31 07:13:28 UTC
it.scienza
12
risposte
L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN
iniziato 2009-05-31 07:06:17 UTC
it.discussioni.misteri
11
risposte
L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN
iniziato 2009-05-31 07:13:28 UTC
it.scienza.biologia
Risultati di ricerca per 'L'EMOGLOBINA SMENTISCE DARWIN' (Domande e Risposte)
3
risposte
La teoria dell'evoluzione è stata smentita dai pipistrelli?
iniziato 2012-08-02 00:04:29 UTC
biologia
1
rispondi
Qual è la prova che piante e animali avevano un antenato comune?
iniziato 2018-12-21 19:16:43 UTC
biologia
3
risposte
Esistono prove biologiche che non suggeriscono o sembrano confutare l'evoluzione?
iniziato 2017-11-21 02:00:28 UTC
biologia
7
risposte
L'evoluzione è un fatto?
iniziato 2015-11-14 00:56:37 UTC
biologia
3
risposte
Perché gli esperimenti di Mendel non hanno attirato l'attenzione fino al XX secolo?
iniziato 2018-06-30 22:45:27 UTC
storia della scienza e matematica
Discussioni interessanti ma non correlate
9
risposte
Dov'è un buon posto per trovare draghi da uccidere?
iniziato 2012-11-03 20:54:53 UTC
5
risposte
La mia skin personalizzata non cambierà
iniziato 2013-06-10 23:21:19 UTC
5
risposte
La caccia è necessaria in Red Dead Redemption 2?
iniziato 2018-12-11 13:01:44 UTC
8
risposte
Sono al livello 20: e adesso?
iniziato 2012-03-06 14:26:01 UTC
5
risposte
Evitare morti a basso costo in TF2
iniziato 2011-03-24 03:06:12 UTC
Loading...